Tg, il pastone non muore mai. Il giornalismo sì

Articolo di Paolo Dimalio e Manolo Lanaro tratto da “Il Fatto Quotidiano”

Tg, il pastone non muore mai.
Il giornalismo sì

Il pastone da telegiornale non muore mai. Minimo sforzo, massimo guadagno in visibilità per i politici nei vari telegiornali Mediaset e Rai. L’informe servizione, il pastone appunto, che riassume la giornata politica con gli esponenti dei diversi schieramenti in Parlamento pronti a dire la loro sul tema del giorno. Il telespettatore ne esce quasi sempre disorientato, senza mai capire chi abbia ragione e chi no. Visto che i giornalisti, in primis quelli parlamentari, da tempo hanno abdicato al loro ruolo. Mai una domanda, mai un incalzare i politici. Così alla Camera, come al Senato, si è istituzionalizzato quello che è un siparietto (con tanto di scenografia) dei nostri rappresentanti con immancabile corredo di espressioni di circostanza per i loro soliloqui davanti alle telecamere. Tanto, come dimostrano questi due esempi, “giornalisti che fanno domande non ci sono, decide l’onorevole”, dichiara un cameraman rivolgendosi all’onorevole del Pd, Cesare Damiano. (Non ce ne vogliano i deputati Colaninno e Damiano, questo capita con chiunque)

Cos’altro aggiungere? Un motivo ci sarà se nella classifica del Rapporto sulla libertà di stampa 2011 di Freedom House l’Italia si trova al 75esimo posto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...