L’uomo senza volto

L’azzuro dei suoi occhi è quello delle acque più profonde del Mar Artico e dentro si celano segreti. Segreti di uno stato totalitario e totalizzante.
L’inverno dopo l’inverno, l’Urss dopo la caduta dell’Urss. Questo è quello che negli anni Putin ha costruito nella sua Russia. Una roccaforte del potere difficile da smantellare e scalzare via. Una manipolazione lenta e inesorabile. Guerra in Cecenia, lotta al terrorismo, Kursk, Beslan, Nord-Ost, il caso Litvinenko, tutti eventi recenti della storia russa con dinamiche agghiaccianti che hanno visto Putin nella sua veste più dura e oscura. Eventi che hanno segnato la Russia e che hanno mostrato il vero volto di un Presidente che farebbe di tutto pur di rimanere saldo al potere. L’Occidente è complice, ma questo è solo uno dei tanti “crimini” dell’Occidente.

 

Una prefazione così solo per consigliarvi “Putin. L’uomo senza volto” la biografia non autorizzata di Vladimir Putin (traduzione di Lorenzo Matteoli), scritta da Masha Gessen una giornalista russa emigrata negli Stati Uniti e poi tornata nella sua terra d’origine per poter essere parte del cambiamento della società civile in questi ultimi mesi. Un’altra giornalista che subisce minacce per ciò che ha scritto, a cui viene consigliato di tornare negli Usa per non rischiare la vita. Una giornalista che si batte per i diritti LGBT e si è battuta per contrastare la abominevole legge contro l’omosessualità varata nella città di San Pietroburgo pochi mesi fa. Questo è un libro che racconta in maniera molto dettagliata un mondo in mutamento, la caduta del comunismo e l’instaurazione lenta ma inesorabile di un nuovo totalitarismo. Tutte le dinamiche che hanno portato alla ribalta Putin e le varie incongruenze che si sono manifestate in tutti questi anni che rendono la vita del Presidente russo un vero mistero. Una lettura obbligatoria per capire davvero i comportamenti di un paese “ancora alleato” che tiene tutti in riga per il suo gas.

A mezzanotte alla televisione apparve Vladimir Putin. Visibilmente nervoso all’inizio, qualche incertezza nelle prime parole del discorso, ma sempre più sicuro man mano che procedeva. Parlò per tre minuti e mezzo. Particolare notevole: non utilizzò l’occasione per far il suo primo discorso elettorale. Non fece promesse e non disse nulla che potesse suscitare entusiasmo.Disse invece che niente sarebbe cambiato in Russia e assicurò gli spettatori che i loro diritti sarebbero stati ben tutelati […]. Putin era adesso il presidente facente funzioni […]: faceva quello che gli veniva detto di fare e non gli si diceva di fare molto. Era già così popolare che questa era in pratica una campagna non-campagna che si sarebbe conclusa in una elezione non-elezione. Putin doveva limitarsi a non apparire molto diverso dall’immagine che i suoi elettori volevano avere di lui.” [Putin. L’uomo senza volto, M. Gessen, p.37] 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...