SPECIALE VENEZUELA: Cari elettori non rimarrete soli

[Traduzione da La Vanguardia]

Il candidato dell’opposizione alle elezioni di ieri in Venezuela, Henrique Capriles, si è congratulato col presidente, Hugo Chávez, per la sua vittoria alle urne. Ha inoltre dichiarato agli oltre sei milioni di votanti che “non sono soli” e che “non devono sentirsi sconfitti”. Voglio “congratularmi col candidato, il Presidente della Repubblica; da qui, fargli i miei complimenti e auspicargli di saper leggere con grandezza l’espressione del popolo. C’è un paese che ha due visioni opposte”, ha sostenuto Capriles in una sua comparsa dopo la pubblicazione ufficiale dei risultati elettorali.
 
Nella prima sconfitta della sua carriera politica, Capriles ha ottenuto il 44,97% degli aventi diritto al voto, 6.151.544 voti; mentre Chávez ha ricevuto il sostegno di 7.444.082  votanti (54,42%) in una giornata elettorale storica, con un record di affluenza del 84,94%.

Sulla nuova vittoria del presidente venezuelano, che governerà fino al 2019 dopo aver vinto la sua terza rielezione, ha espresso fiducia in “un progetto che ha 14 anni, che si assuma la responsabilità e capisca la metà della popolazione che non è d’accordo con la posizione di chi oggi mantiene il potere”. “Chiedo rispetto a chi oggi ha mantenuto il potere, considerazione e riconoscimento della quasi metà del paese non concorde con questo governo”, ha aggiunto.

Visibilmente emozionato, Capriles ha dichiarato che “finché ci sarà vita ci sarà speranza” e ha promesso ai più di sei milioni di venezuelani che hanno votato per lui che “non saranno soli”.”Vi dico, guardate, il nostro popolo non si sente perdente, nessuno, questi sei milioni di venezuelani non sono soli; questi sei milioni di venezuelani, quasi la metà del paese, non sono soli”, ha continuato.

Ha insistito: “Qui, chi non ha guadagnato la vittoria sono io, il popolo non si senta sconfitto. Qui il popolo ha costruito un cammino e il cammino è qui, ora”. Capriles ha ribadito che i suoi sono i “sogni dei venezuelani”, e ha chiarito che “per saper vincere bisogna anche saper perdere”.

“L’espressione popolare, quello che dice il popolo è sacro, e la parola del popolo avrà sempre il mio rispetto”, ha sostenuto per insistere sul fatto che durante la campagna elettorale ha dimostrato il suo compromesso col Venezuela, un paese a cui si sente orgoglioso di appartenere.
“Da questo cammino, iniziamo la costruzione di un nuovo cammino e lì, ci sono più di sei milioni di persone che cercano un futuro migliore. Voglio dirgli che contino su di me, che sono al loro servizio, ma voglio dirlo anche agli altri venezuelani”, alludendo a quelli che non hanno votato per lui.

“Io sono convinto che questo paese può migliorare e sono convinto che il Venezuela diventerà migliore”, ha detto Capriles prima di lasciare il palco in cui ha riconosciuto la vittoria di Hugo Chávez.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...