Un meteorite come strumento di politica interna

[Traduzione da Snob]

Ogni mattina, facendo colazione, accendo la radio – bisogna sempre essere informati su ciò che succede, e già da qualche anno non ho abbonamenti a giornali. Le notizie ricordano il bollettino del fronte: là hanno ucciso questo, hanno rubato due milioni e sono fuggiti, lì una bambina di dieci anni è scomparsa, quei tre sono ancora oggetto dell’indagine, nella notte un ubriaco ha investito sei persone, e la mattina è di nuovo caduto un aereo. La metà dei passeggeri è viva, che bello!

Ascoltiamo tutte queste notizie quotidianamente e ormai ci siamo abituati. Tutto questo sullo sfondo dell’intensa attività della Duma, che ricorda con le parole esatte di Muratov “una stampante impazzita”, i miliardi rubati a Sochi e le velate minacce del presidente, ma chi sta minacciando? I terroristi o ce l’ha con noi? Non mi abbandona mai la sensazione (e credo di non essere l’unico a pensarla così) che tutto sia appeso ad un filo. E poi un meteorite! Che tempismo! Se ne parlerà almeno per tre giorni, come minimo. E poi ancora una settimana.

E’ interessante sapere quanto possa costare il lancio di un meteorite?! Per farlo cadere quando serve, in modo che sia bello da vedersi, e che non lasci ferite troppe persone. Sebbene possa ferirne moltissime. Perché? Perché il nostro tempo è così. Credo siano molto più economiche le olimpiadi. E come funzionano! 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...