Un certo Lucas

Se avete bisogno di qualcosa di puramente delirante con un senso logico strabiliante dovete assolutamente leggere l’ultima opera postuma di Julio CortázarUn certo Lucas“. La casa editrice Sur, ormai da tre anni si occupa di letteratura latinoamericana, avendo istituito uno collana di libri poliedrica e sgargiante (copertine e layout favolosi).

Al Pisa Book Festival ho assistito alla presentazione del libro fatto dalla traduttrice italiana del libro: Ilide Carmignani. Ne sono stato subito rapito e leggerlo d’un fiato è stata un’esperienza unica nel suo genere. Cortázar è uno degli autori latinomaericani più poliedrici. Un autore in continua ricerca e sperimentazione della lingua e della scrittura. Nato come traduttore, poi divenuto scrittore, Cortázar ci offre un caleidoscopio di situazione che travolge dalla prima all’ultima pagina. “Un certo Lucas” ha un ritmo incalzante come la musica Swing, molto amata dall’autore: le storie sono frammentate senza un senso cronologico. Spesso si compone di ripetizioni, frasi spezzate o inglobate, per lasciare al lettore la facoltà di pensare. L’autore vuole un lettore attento, sempre!

Le difficoltà della traduttrice sono state parecchie: l’uso di moltissimi regionalismi e autoremi, la difficoltà di frasi spezzate. non concluse; l’alternanza tra linguaggio specialistico e linguaggio inventato (l’autore ama parodiare i linguaggi settoriali). Lessico di base spagnolo con elementi francesi, italiani e portoghesi; espressioni idiomatiche; volgarismi; espressioni onomatopeiche. Tutto questo, dovendo fare i conti con la rigidità del lessico popolare italiano.

Ciò che mi sento di dire è l’ottimo lavoro della traduttrice e di tutti quelli che hanno lavorato alla realizzazione di questo magnifico libro (grazie anche a Giulia Zavagna, revisore dell’opera; e Vanessa Tenti, corretrice di bozza). Scoprite anche voi le grandi sorprese di Edizioni Sur e di tutta quella letteratura ancora a noi sconosciuta, o quasi.

Vi lascio con questo meraviglioso estratto:

AMORE 77

E dopo aver fatto tutto quello che fanno, si alzano, si lavano, si danno il talco, si profumano, si pettinano, si vestono, e così progressivamente ridiventano quello che non sono.

Buona lettura!

lucas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...