Categoria: Portfolio

Morire in vita

Hajjati è seduto con le gambe incrociate. Un tappeto di plastica copre il pavimento di terra e una tenda chiude l’entrata della casa, suo nascondiglio da due mesi. E’ dovuto fuggire dalla sua casa e rifugiarsi qui nelle abitazioni di lamiera dei dintorni del centro della città di Kampala. Prima i suoi genitori, poi i suoi amici: uno dopo l’altro lo hanno abbandonato. Non potevano accettare la sua transessualità. No, non potevano accettarlo.